I social media secondo la Bande Destinée

I social media secondo la Bande Destinée

Ho scelto un simpatico fumetto pubblicato in questi giorni da La bande Destinée per iniziare a parlare di social media. Che ne pensate? Vi è mai capitato di sentirvi come Monsieur Roblochon?

Sperduti e confusi ci muoviamo tra Facebook, Twitter, You Tube, Instagram, Pinterest e LinkedIn.

E se la moda unita all’abitudine ci portano a controllare più volte al giorno le notifiche sul nostro smartphone, non sempre abbiamo chiara la differenza tra questi strumenti.

Ciascun social media infatti è diverso e ci permette di mostrare una parte ben specifica della nostra personalità. Su LinkedIn ostentiamo le nostre skills professionali, su Facebook rimaniamo in contatto con i nostri amici e su Insagram raccontiamo le nostre vite al suono delle immagini.

Ma tutti questi social hanno un aspetto comune: ci permettono di sviluppare RELAZIONI e di fare NETWORK.

Ma come? Già è questa la domanda a cui è necessario dare una risposta per potersi districare nella rete.

La Bande Destinée con un esempio concreto afferma che il costruire relazioni, (il “creare ponti” come affermava un mio prof. all’Università), è un’attività che richiede cura e costanza quotidiana.

Molte aziende si “improvvisano” social, di punto in bianco creano profili che poi non mantengono con un conseguente danno d’immagine. Mai come ora, in un mondo caratterizzato dalla velocità, dal flusso continuo delle informazioni, è fondamentale aver ben chiaro l’obietivo da raggiungere. Con quali obiettivi creo la pagina Facebook della mia azienda? Voglio raggiungere nuovi clienti, voglio aumentare la visibilità, voglio lanciare un nuovo marchio?

Ciascuna azienda può essere un caso a sè stante ma la regola fondamentale è l’aver ben chiaro il PIANO DI COMUNICAZIONE da attuare: gli strumenti, i tempi, le modalità e le risorse a disposizione ma soprattutto non buttarsi a capofitto sottovalutando la forza di questi potenti mezzi di comunicazione, interazione e condivisione.

By

Leave a Reply

Your email address will not be published.

You may use these <abbr title="HyperText Markup Language">HTML</abbr> tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>